Matrimonio Civile

La celebrazione del matrimonio è attività istituzionale garantita ai cittadini così come previsto dal Codice Civile e dal vigente Regolamento di Stato Civile (D.P.R. 03/11/200 n. 396).

Funzioni
I matrimoni civili sono celebrati dal Sindaco.
Il Sindaco può delegare le funzioni di Ufficiale di Stato Civile al Vice Sindaco, agli Assessori, ai Consiglieri Comunali, al Segretario generale, ai dipendenti a tempo indeterminato e ai cittadini italiani che abbiano i requisiti per l’elezione a Consigliere Comunale, come previsto dall’art. 1 – comma 3. del D.P.R. 396/2000.

Richiesta della celebrazione
La richiesta di celebrazione del matrimonio deve essere concordata con l’ufficio di Stato Civile del Comune di Albinea così come tutti gli aspetti organizzativi.

Luogo delle celebrazione
Il matrimonio civile viene celebrato in una sala aperta al pubblico, alla presenza di due testimoni maggiorenni, nelle strutture acquisite al patrimonio comunale che per questa occasione assumono la denominazione di “Casa Comunale” così come allestite e compatibilmente con l’attività istituzionale dell’Ente:

  1. Sala del Consiglio Comunale
  2. Sala Civica Comunale
  3. Parco dei Frassini

Non è consentita la celebrazione in luoghi diversi da quelli sopra riportati, se non per quanto previsto dall’art. 110 del Codice Civile (“se uno degli sposi per infermità o per altro impedimento giustificato all’ufficio dello stato civile, è nell’impossibilità di recarsi nella casa comunale, l’ufficiale si trasferisce con il Segretario Generale e quattro testimoni, nel luogo in cui si trova lo sposo impedito”). In questi casi è applicata la gratuità della tariffa.

Prescrizioni per l’utilizzo
Ai nubendi è consentito di arricchire con arredamenti e addobbi (a propria cura e spese) il luogo prescelto per la celebrazione previo accordo con il Servizio di Stato Civile. In orario di servizio ordinario.
Al termine della cerimonia è obbligo dei nubendi provvedere tempestivamente a far risistemare la sala così come concessa, rimuovendo quanto sia collocato per l’occasione.
E’ vietato il lancio di riso, coriandoli, fiori o altri materiali all’interno della sala utilizzata per la cerimonia; Nel caso si verifichino danneggiamenti alle strutture concesse per la celebrazione del matrimonio, l’ammontare degli stessi, salvo identificazione del soggetto responsabile, sarà quantificato dall’ufficio comunale competente ed addebitato allo stesso soggetto.
Relativamente il Parco dei è richiesta una comunicazione preventiva di attività rumorosa temporanea da parte degli sposi da presentare all’Ufficio Ambiente del Comune almeno sette giorni precedenti il matrimonio.

Matrimonio con l’ausilio dell’interprete
Nel caso i nubendi, i testimoni o solo uno di essi siano cittadini stranieri, devono dimostrare all’Ufficiale di Stato Civile, all’atto della richiesta della pubblicazione, di comprendere la lingua italiana. Qualora dimostrassero di non intendere la lingua italiana, dovranno avvalersi un interprete così come previsto dall’art. 13 e 66 del D.P.R: 396/2000, al reperimento del quale dovranno provvedere gli sposi stessi. L’interprete individuato dovrà presentarsi all’Ufficiale dello Stato Civile almeno sette giorni prima della celebrazione del matrimonio, munito di un documento in corso di validità, per comunicare la propria disponibilità ad assumere l’incarico e sottoscrivere apposito verbale di nomina comprensivo di giuramento.

Giornate ed orario della celebrazione
I matrimoni civili sono celebrati in via ordinaria nell’orario di servizio dell’Ufficio di Stato Civile.
La celebrazione del matrimonio fuori dall’orario di servizio potrà avvenire, su domanda degli interessati, previo pagamento della relativa tariffa maggiorata di compartecipazione alle spese entro le ore 18.00 nei giorni feriali ed entro le ore 13.00 nelle domeniche.
Non si possono tassativamente celebrare matrimoni durante le seguenti festività, ricorrenze civili e religiose:

  • Domeniche dopo le ore 13.00
  • 1 e 6 Gennaio
  • La domenica di Pasqua e Lunedì dell’Angelo
  • 25 Aprile
  • 1 Maggio
  • 2 Giugno
  • 15 Agosto
  • 1 Novembre
  • 24 Novembre (Festa del Patrono di San Prospero) dopo le ore 13.00
  • 8 Dicembre
  • 24 Dicembre dopo le ore 13.00
  • Natale e Santo Stefano
  • 31 Dicembre dopo le ore 13.00

Tariffe
Nulla è dovuto per la celebrazione dei matrimoni civili nella Sala del Consiglio comunale ( o altra saletta individuata in sostituzione della stessa perché utilizzata per altri impegni istituzionali) in quanto sede istituzionale all’uopo preposta purchè la stessa avvenga durante l’orario di servizio dell’Ufficio di Stato Civile nel caso in cui almeno uno degli sposi sia residente nel Comune di Albinea; in tutti gli altri casi è richiesto il pagamento della relativa tariffa determinata annualmente dalla Giunta Comunale tenendo conto del costo dei servizi offerti (consumi per l’utilizzo della sala: riscaldamento, energia elettrica, pulizie, personale necessario per l’espletamento del servizio) e della residenza anagrafica degli sposi.

Diposizioni finali
Per tutto quanto non previsto dal presente regolamento si rimanda alla normativa vigente in materia e più precisamente:

  • Codice Civile
  • D.P.R. 3 Novembre 2000, n. 396
  • D. Lgs 18 Agosto 2000, n. 267

nonché eventuali disposizioni del Sindaco, statuti e regolamenti dell’Amministrazione comunale di Albinea.