I campi estivi si raccontano

E’ ripartita anche quest’anno l’esperienza estiva nei Campi Gioco del Comune di Albinea. Questa estate, a partire da giugno, ci si è concentrati sullo sperimentare nuove strategie per riappropriarsi degli spazi di aggregazione dei bambini valorizzando l’ambiente esterno come luogo di ricerca. Rimanendo aderenti ai protocolli regionali relativi al contenimento del Covid-19, si sono attivate le procedure per l’ingresso in sicurezza di tutti i piccoli ospiti e la suddivisione in spazi delimitati ad uso di ciascun gruppo.

I Campi Gioco di Albinea On the Road e Bellarosa, condividendo il tema dello stare all’aperto esplorando il territorio circostante, hanno perseguito programmazioni parzialmente diverse in virtù delle caratteristiche di ogni sede: la prima incentrata sulle proposte laboratoriali e sui linguaggi espressivi, la seconda sulle escursioni e le attività sportive.

Le attività hanno visto bambini e ragazzi impegnati soprattutto nell’outdoor exploration, dove il tema dell’osservazione e dell’esplorazione ha permesso, sotto la guida degli Educatori, lo sviluppo di un nuovo sguardo sul territorio in grado di aprire immaginari arricchiti dalla condivisione di idee. Si è passati dalla sperimentazione di “orti in bottiglia”, nella quale si è appresa la tecnica di semina di alcune varietà di ortaggi comuni a proposte sui linguaggi espressivi, la scienza e la tecnologia, potendo usufruire di numerose strumentazioni. Particolarmente apprezzati i Laboratori di Fotografia e di Coding, all’interno dei quali ciascun gruppo ha potuto esprimersi liberamente dopo aver appreso le tecniche e i comandi principali.
Tematica portante quella della Biodiversità, un invito a entrare in contatto con i colori, le forme, i materiali e i linguaggi attraverso i quali la natura ci parla per scoprire quanto numerose e quali siano le specie vegetali che abitano il giardino della Scuola, il vicino Parco Fola o le distese verdi che circondano il Circolo Bellarosa.
Numerose le collaborazioni attivate sul territorio a partire dall’intervento del Maestro di Karate Roberto Manfredi della Scuola Azato Karate di Albinea, il quale ha dimostrato come effettuare alcune tecniche base di questa arte marziale, e in seguito guidato i piccoli allievi nell’esecuzione degli stessi movimenti. Di grande interesse anche i brevi cenni storico culturali sull’origine della disciplina orientale.

I Maestri della Cooperativa Risonanze (Scuola di Musica Albinea e Canali) con le lezioni concerto di numerosi brani ci hanno permesso invece di scoprire le caratteristiche e le peculiarità timbriche ed espressive di ciascuno strumento: trombone, pocket trumpet, violoncello, tastiera elettronica, basso, chitarra e violino. Tra i brani proposti alcune danze del ‘600-‘700, un brano popolare della tradizione Klezmer ebraica, un gioco musicale dove le strofe della canzone sono state cantate e animate con la gestualità corporea. I bambini, entusiasti e attenti, hanno posto domande e condiviso con gli ospiti la propria esperienza con la musica e i pensieri sul suono già esperiti con gli educatori.

La collaborazione con i musicisti di Risonanze rientra in un progetto territoriale nel quale associazioni ed enti culturali si sono messe in rete per arricchire l’offerta delle attività dedicate ai Campi Estivi.
Il servizio Informagiovani “Il Posto Giusto” dell’Unione Colline Matildiche ha curato la parte di raccordo iniziale di questa collaborazione, per poter arricchire legami e far circolare competenze. In un momento tanto delicato ed eccezionale, per la comunità e soprattutto per i bambini, nutrire la rete del territorio è parsa fin da subito la strada da intraprendere, nell’interesse collettivo.

Giornalino di giugno – Campo estivo ALBINEA ON THE ROAD

Giornalino di giugno – Campo estivo BELLAROSA